Lezione 15: La nuova Ubuntu…

Una nuova versione di Ubuntu viene rilasciata ogni 6 mesi. In ogni nuova versione vengono aggiunte piccole migliorie, novità e ottimizzazione, quindi il sistema cambia leggermente. Le modifiche solitamente non sono tali da stravolgere il sistema.

Le versioni (a partire dal 2004) sono state caratterizzate da un numero che identifica ogni versione, che si ottiene facendo “anno.mese” dell’uscita, quindi la prossima che uscirà ad aprile di quest’anno sarà 8.04; ogni versione è caratterizzata anche da un “nome di battaglia” :D, la prossima sarà Hardy Heron (Ovvero Airone Audace).

Abbiamo detto che una nuova versione esce ogni 6 mesi, chi quindi vuole avere un sistema sempre aggiornato, e vedere le ultimissime novità di questa distribuzione Linux può effettuare un aggiornamento di 6 mesi in 6 mesi. Questo tipo di aggiornamento non cancella i dati presenti sul sistema e non cancella i programmi installati. Di tutto questo (cosa fare prima di un aggiornamento, come fare un aggiornamento, ecc) però ne parlerò più in là.

Questo, quindi, vuol dire che dobbiamo aggiornare la nostra Ubuntu ogni 6 mesi??? Non per forza. Ogni Ubuntu riceve aggiornamenti per un anno e mezzo, dopodiché non arrivano più aggiornamenti, ma la versione di Ubuntu è perfettamente funzionante!!! Quindi una delle soluzioni è avere una Ubuntu non aggiornatissima, ma perfettamente funzionante.

Lo staff di Ubuntu rilascia ogni tot anni (prima sembrava ogni 3 anni, ora invece ogni 2…staremo a vedere) una versione detta LTS (Long Term Support…cioè Supporto a Lungo Termine), questa versione riceve aggiornamenti per un periodo di 3 anni (invece di un anno e mezzo), ed è possibile aggiornare di LTS in LTS (quindi ogni 2 o 3 anni), questa è la seconda soluzione. Spero che con l’immagine sia tutto più chiaro:

Ora siamo alla versione 7.10 (se avete aggiornato l’ultima volta). Quindi possiamo seguire le frecce rosse e aggiornare la nostra Ubuntu ogni sei mesi (particolarmente indicato a chi piace vedere le novità ed essere sempre aggiornato). Oppure seguire le frecce verdi e aggiornare ogni 2/3 anni (particolarmente indicato per chi non vuole passare troppo tempo vicino al Pc ma vuole sempre una Ubuntu abbastanza aggiornata).

Personalmente sul mio computer portatile (che uso per studiare) passerò alla 8.04 e poi passerò di LTS in LTS. Mentre sul computer fisso continuerò a fare gli aggiornamenti semestrali…

E voi? Come farete? Siete Liberi di scegliere… ;)

Un’ultima cosa…Ubuntu Hardy Heron (Airone Audace) sarà rilasciata tra 15 giorni, per cui ho deciso di mettere anch’io questo simpatico conto alla rovescia:

Alla prossima…

Annunci

13 Responses to Lezione 15: La nuova Ubuntu…

  1. Gerlando ha detto:

    Ciao, volevo farti due domande:
    tu dici: “Questo tipo di aggiornamento non cancella i dati presenti sul sistema e non cancella i programmi installati.”.

    Io ho un Dell Vostro 1500 per il quale ho dovuto penare in relazione all’installazione dei driver ALSA (un problema a quanto pare molto diffuso per i possessori di questo notebook). Se ho capito bene, con l’aggiornamento non dovrò ricompilare i driver e quant’altro… giusto?

    Sempre in relazione ai programmi , ho installato Cairo-dock, anche in questo caso la configurazione del mio sistema rimarrà la medesima?

    Grazie in anticipo per la risposta.

  2. nico ha detto:

    I nomi di battaglia delle versioni di Ubuntu mi fanno sempre morire 🙂

    Lista completa qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Ubuntu#Note_di_rilascio

  3. ioubuntu ha detto:

    @Gerlando: proprio così!!! è questa la comodità di fare gli aggiornamenti!!! Anche se con la nuova Ubuntu dovresti trovare anche i nuovi driver ALSA, e magari ti verrà voglia di usare quelli. Idem per la Cairo-dock…

    @nico: in realtà è disponibile l’elenco completo dei nomi di Ubuntu fino al 2017:
    http://www.tuxjournal.net/?p=2665

  4. nico ha detto:

    Xenophobic X-Ray Fish e Yodeling Yellow-spotted Rock Hyrax ?????

    Wow… come dire… fantasiosi…

  5. ioubuntu ha detto:

    A me piace “Open-minded Ostrich” 😀

  6. gioby ha detto:

    Io sono un appassionato di versioni instabili e quindi la sto utilizzando da un bel po’.
    Mi sembra che stia venendo bene, adesso sto provando kde4 ed é utilizzabile, oltre che migliore di kde3.

  7. ioubuntu ha detto:

    Anch’io la sto provando su una partizione!!! kde4 l’ho provato solo appena uscito…ma non c’era praticamente niente…
    ora è parecchio che non lo provo…

  8. gioby ha detto:

    Sì credo si possa utilizzare tranquillamente!
    Mancano ancora alcune cose, come l’applet per ridurre a icona tutte le finestre, molte applet di configurazione, e così via; però lo si può già usare in pianta stabile.

    @Gerlando: se vuoi un consiglio, quando hai un problema con un programma opensource il primo approccio é quello di aggiornare all’ultima versione, perché se hai un problema comune a tante altre persone é probabile che venga risolto velocemente.
    Scommetto quello che vuoi che se aspettavi un paio di giorni e aggiornavi, probabilmente il kernel, non dovevi compilare nulla.

  9. […] è una LTS, versione con supporto a lungo termine, che dovrebbe essere particolarmente stabile, ed è anche per chi non vuole aggiornare la sua […]

  10. […] Per chi usa il pc per lavorare o studiare (e questi piccoli bug danno un certo fastidio!!!) può restare alla vecchia versione che è supportata per 1 anno e mezzo, meglio se è LTS come la 8.04 supportata per 3 anni. […]

  11. CrazyHorse ha detto:

    Ciao, domanda forse stupida: per un progetto legato al trashware ho installato su un vecchio PC la ubuntu 5.10…non sarà aggiornata per niente oppure sarà aggiornata fino al punto in cui hanno smesso di rilasciare i pacchetti?
    Grazie in anticipo!

  12. marcasco ha detto:

    Comunque io consiglio di provare sempre prima la versione Live prima di passare all’aggionamento.Per esperienza
    personale mi è capitato dopo esser passato da 8.4 a 8.10
    di scoprire che la nuova versione entrava in conflitto con mia
    scheda grafica VIA S3 unichrome PRO IGP, con la conseguenza che lo schermo rimaneva “congelato”.Solamente installando successivamente una NVIDIA tutto è ritornato a funzionare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: