Lezione 16: Salvare i ricordi…

Andando girando nei cassetti delle proprie abitazioni è facile imbattersi in foto vecchie di 50 o 30 anni fa, o un filmino di 20 anni fa. È ovvio che queste cose col passare degli anni invecchiano, ma arrivano a noi in buono stato.

Invece, i ricordi della nostra epoca, tutti digitalizzati, come saranno fra 30 anni? Subito vi verrebbe da pensare: saranno come sono oggi, gli “oggetti” digitali non invecchiano! E su questo ci siamo, non sono tanto sicuro che arriveranno però a 30 anni. Mi spiego:
Immaginiamo di avere foto (che possono essere di un matrimonio, un compleanno, una vacanza, una laurea) su un cd. I cd si usurano molto più velocemente delle vecchie foto o di una VHS. Se avete usato un cd di ottima qualità (e quindi abbastanza costosi) e tenete il cd in un luogo buio, fresco e con poca umidità (praticamente lo dovete tenere in cantina, vicino ai vini 🙂 ), allora il vostro cd potrebbe arrivare ai 10 anni…ma non penso che tutti voi seguiate le precauzioni che ho dato sopra.
In realtà il punto di forza dei formati digitali sono le duplicazioni. Quando fate delle copie di una foto, o di un filmino, queste copie saranno identiche all’originale, in tutto. Quindi il punto di forza degli “oggetti” digitali è la possibilità di farne copie, e maggiore è il valore (affettivo/economico) dell’oggetto più dovrebbe essere alto il numero di copie.
Le copie poi dovrebbero essere messe su supporti diversi. È inutile fare 3copie di un cd e poi lasciarle stare tutte e 3 al sole nello stesso posto. I supporti principali sono:

  • Cd/dvd: dopo anni di prove ho deciso che…non mi piacciono. Sarà che non li metto in cantina, sarà che la mia stanza è soleggiata, ma a me non hanno mai avuto una grossa durata. A maggior ragione se comprate cd/dvd di qualità scadente
  • Computer: quando usavo Windows sapevo che era soltanto una questione di tempo prima che il Pc si impallasse e io perdessi tutti i dati. Ora uso Ubuntu e sto molto più tranquillo!! L’aspettativa di vita dei dati su un Pc (con Ubuntu) è migliore di quelli su cd/dvd. Il problema è che comunque le parti fisiche del computer sono soggette ad usura, o comunque potrebbero subire un urto (soprattutto se è un portatile), o magari un picco di tensione dell’impianto elettrico.
  • Hard disk esterno: l’ho comprato da poco, per 100€ ho comprato un hard disk esterno di una buona marca con 500 Gb (0,5 Terabyte 🙂 ). Ottima l’ “aspettativa di vita”, ha tutti i vantaggi dell’hard disk di un Pc, in più si usura meno (perché lo usi solo quando serve), solitamente non te lo porti a spasso, e se quando non ti serve lo stacchi dal Pc non può neanche subire danni dalla rete elettrica.

Io, per i ricordi a cui tengo MOLTO (come le foto delle vacanze, della laurea, della mia famiglia) ho 3 copie, sui 3 supporti diversi su elencati. Che si distruggano tutti e 3 contemporaneamente mi sembra un po’ improbabile 🙂 . Per gli altri dati faccio solo 2 copie. Tirando le somme: è da pazzi avere una sola copia di un file importante……

Resta la problematica di come fare a tener conto di tutto quello che si deve copiare e di cosa si è già copiato, di capire se un cd è usurato o è ancora buono.
Nei prossimi giorni vedremo una serie di strumenti per Ubuntu che ci permettono di fare questo!

Alla prossima…

Fonti: Punto informatico

Annunci

3 Responses to Lezione 16: Salvare i ricordi…

  1. […] Molti di voi per salvare i dati importanti preferiscono copiarli su CD/DVD, ma come dicevo nel precedente articolo, questi non sono eterni, anzi, tendono a deteriorarsi col passare del […]

  2. tarpon ha detto:

    Sono un felice e fresco switcher da winzoz a linux. Ho un dubbio.
    Ma fare il backup dei dati da un ubuntu 8.10 su ext3 ad un hard disk ntfs è rischioso?
    Complimenti x il blog.

  3. No, non è rischioso. Ti ricordo però che ntfs è un file system proprietario (vedi https://ioubuntu.wordpress.com/2008/03/02/lezione-x-i-formati-opensource/ ) della Microsoft, pertanto non ha rilasciato le specifiche per poter scrivere su questo tipo di file system, per cui c’è stato un lavoro di Reverse engineering. Io salvo i file di backup su un hard disk esterno da 500 Gb formattato in fat32. L’unica cosa che devi evitare di fare su NTFS è farci scaricare file da aMule/eMule e Torrent…in passato personalmente ho avuto problemi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: